Cosenza News 24 del 12 ottobre l’informazione della tua provincia

Ascoota il GR

notizie2     

 

Notizie

“Ho depositato un’interrogazione consiliare per conoscere i motivi che hanno determinato la sospensione degli avvisi pubblici relativi alle unità complesse dell’Asp di Cosenza”. Lo afferma, in una nota, il consigliere regionale Giuseppe Aieta, del Pd. “Ho chiesto anche al presidente della Giunta – aggiunge Aieta – di invitare il commissario Scura a rendere i chiarimenti relativi alle motivazioni che hanno indotto l’Asp di Cosenza al ritiro di 14 avvisi finalizzati alla nomina dei Direttori delle Unità operative complesse oggi prive di reggenza”.

Quando l’impiegato del Cup di via Popilia gli ha detto che per le visite e gli esami richiesti avrebbe dovuto aspettare più di un anno, un cardiopatico cosentino non voleva crederci. Trecentosessantanove giorni di attesa. Un periodo lunghissimo, durante il quale può accadere di tutto

Importante operazione dei Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro (Cosenza) che hanno dato esecuzione a un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso d’urgenza dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, coordinata dal Dott. Eugenio Facciolla, nei confronti di più soggetti indagati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, sul cui conto sono stati acquisiti dettagliati elementi in ordine ad un omicidio pianificato ai danni di un noto pluripregiudicato del posto. In particolare nell’ambito delle attività tecniche condotte dai militari dell’Aliquota Operativa di Corigliano Calabro all’interno di una complessa attività investigativa coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Castrovillari, Dott. Luca Primicerio, sono state captate conversazioni in cui emergevano in modo netto le modalità di esecuzione di un omicidio nei confronti di un noto pregiudicato del posto di elevato spessore criminale, nonché le varie precauzioni da adottare durante la fuga per eludere l’intervento delle forze di polizia.

Operatore licenziato da Ecologia Oggi. Un provvedimento che ha scatenato le ire dei colleghi che in massa ieri si sono recati a Palazzo dei Bruzi per denunciare alcune presunte irregolarità nella gestione dell’appalto della raccolta dei rifiuti urbani nella città di Cosenza. Secondo quanto riferito dalla delegazione di operai ricevuta dal capo gabinetto Antonio Molinari, l’azienda, invece di usare 148 dipendenti al giorno, ogni mattina imporrebbe a diversi mezzi di partire con un solo operatore a bordo impiegando non più di 120 unità. Una situazione definita insostenibile alla luce delle critiche mosse da un operaio che privo della qualifica di autista pare abbia chiesto, come previsto dal regolamento, di essere affiancato da un collega durante il servizio. Una necessità sorta dal momento in cui l’operatore ha lamentato di avere dei problemi ad un piede che gli avrebbero impedito di poter guidare correttamente. Ecologia Oggi però avrebbe risposto con una lettera di licenziamento. L’azienda, diffidata dai sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl ad adempiere al capitolato previsto dalla gara d’appalto, ha da subito ricominciato a lavorare con i dipendenti in coppia sui mezzi. Intanto si attende l’incontro tra il sindaco di Cosenza, l’azienda e i sindacati per risolvere le criticità denunciate dai dipendenti dell’impianto di via Popilia a Cosenza per quanto riguarda la gestione dei rapporti lavorativi. I sindacati chiedono inoltre all’unisono la riassunzione dell’operaio licenziato per ”un’unghia incarnita” dall’azienda Ecologia Oggi vincitrice della gara d’appalto per cinque anni e un importo che supera i 40 milioni di euro.

Stavolta il Comune fa sul serio per la riattivazione delle telecamere della videosorveglianza cittadina, almeno per quanto riguarda gli occhi elettronici che vigileranno sull’abbandono selvaggio dei rifiuti. Nei giorni scorsi ha affidato alla ditta Bmp Tech srl di Celico il servizio di manutenzione annuale del grande fratello municipale per 17 mila euro oltre a 3.740 di Iva, per un totale di 20.740. Inoltre è stato nominato responsabile unico del procedimento per il servizio di manutenzione annuale dell’impianto l’istruttore della polizia municipale Luca Tavernise, guida del Nucleo decoro urbano che vigila anche e soprattutto sulla salute ambientale.

agenti del Commissariato di Corigliano Rossano, insieme a personale della Squadra Volante, ha tratto in arresto in flagranza del reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio, B. A. di 19 anni. La Polizia Giudiziaria nei giorni scorsi aveva monitorato, un via vai di assuntori di sostanza stupefacente, in una zona dell’area urbana di Rossano. Dopo una serie di verifiche, pedinamenti e appostamenti, i poliziotti hanno documentato lo scambio di sostanza stupefacente e di denaro tra il ragazzino arrestato e un assuntore che, dopo aver ricevuto la sostanza e ceduto il denaro si recava di fretta nell’atrio di un caseggiato nelle vicinanze. Immediatamente gli operatori di polizia sono intervenuti bloccando i due e sequestrando l’eroina appena acquistata.

Continua a ridursi l’organico presso il Tribunale di Crotone dove domani, 11 ottobre si registrerà la cerimonia di saluto ad altri tre magistrati.

Nuovi trasferimenti, nel giro di un mese, dopo il saluto, lo scorso 12 settembre al pm Alessandro Riello trasferito alla Dda di Catanzaro.

Lasciano il Palazzo di Giustizia, il giudice Francesca Familiari, trasferita al Tribunale di Cosenza, Antonio Barbetta, trasferito al Tribunale di Lecce, Gaetano Negro, trasferito al Tribunale di Latina.

A fine anno lascerà anche il pm Luisiana Di Vittorio.

La cerimonia di saluto ai magistrati è prevista per le ore 12 di domani presso l’aula 5 al piano terra del Palazzo di Giustizia,

Una donna è stata aggredita e ferita al volto durante un tentativo di rapina avvenuto nella serata di ieri a Crotone, non lontana dal centro cittadino.

L’aggressore, un extracomunitario ha tentato in un primo momento di scippare la borsa alla figlia della donna che è riuscita a scappare.

L’uomo, non riuscendo nell’intento, si è successivamente avventato sulla donna, nel tentativo di sottrarle la borsa, ne è nata una colluttazione, la donna ha resistito avendo praticato un corso di autodifesa, e l’aggressore ha estratto un coltello ferendola al volto.

Prontamente soccorsa da un operaio di Akrea, che si trovava nei pressi,  la donna è stata trasportata al Pronto Soccorso dove le è stata riscontrata una ferita all’arcata sopraccigliare.

Sul posto si è portata una pattuglia dei carabinieri di Cutro per i rilievi del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *