Cosenza news 24 del 9 ottobre l’informazione di Cosenza e provincia

 

Ascolta il radio giornale

notizie2     

 

Notizie

Un uomo di 39 anni, Salvatore Rosito, è morto oggi durante una battuta di caccia al cinghiale nelle campagne di Morano, in località Gonea, in provincia di Cosenza. L’uomo era in compagnia di un gruppo di amici quando è stato raggiunto da un colpo di fucile partito accidentalmente dall’arma di un altro cacciatore.

Sono pronte le indicazioni progettuali del Comune di Cosenza relative a quello che sarà il più grande Parco del Benessere d’Italia, inserito – su impulso del sindaco Mario Occhiuto – nell’accordo firmato nei mesi scorsi con la Regione Calabria per il progetto di “Realizzazione di un sistema di collegamento metropolitano tra Cosenza, Rende e Università della Calabria”. È intento di Occhiuto far conoscere ai giornalisti e ai cittadini tali proposte, alla presenza del governatore Mario Oliverio, in una conferenza stampa che si svolgerà nelle prossime settimane e in cui non mancherà l’ingegnere regionale Luigi Zinno responsabile del progetto che al riguardo si è confrontato step dopo step con palazzo dei Bruzi

Una ragazza di 23 anni è stata travolta e uccisa da un’auto pirata, a Settimo di Rende (Cosenza). L’allarme è stato dato dal marito, non vedendo tornare la moglie a casa. Sono scattate le ricerche e la giovane è stata trovata sulla strada in condizioni critiche. Trasportata all’ospedale di Cosenza, è morta poco dopo. Si cerca l’auto che l’ha investita.

I finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza, durante una serie di controlli nell’area silana, hanno rilevato numerose irregolarità nella conservazione e commercializzazione di prodotti alimentari che hanno determinato la contestazione di sanzioni per oltre 180 mila euro nei confronti di 10 soggetti ed il sequestro di numerosi prodotti alimentari privi di requisiti igienico – sanitari previsti dalla normativa vigente.

 

Il tempio ritrovato in via Achille Grandi, nel rione Fondo Gesù, potrebbe indicare il luogo di approdo dei coloni greci che fondarono la città Kroton.
È una scoperta archeologica straordinaria, infatti, quella fatta in via Achille Grandi, i cui risultati sono stati presentati nei giorni scorsi da Alfredo Ruga, funzionario territoriale Abap, e Paolo Nereo Morelli, ispettore onorario del Mibact che ha eseguito personalmente i rilievi. I risultati sono stati presentati nei locali dell’Area Marina protetta “Capo Rizzuto” in occasione del premio intitolato all’archeosub Luigi Cantafora. Durante i lavori di scavo per la costruzione di alloggi popolari, eseguiti nel 2013, sono stati ritrovati dall’ispettore onorario del Mibact, Paolo Nereo Morelli, materiali, reperti ed elementi che portano a pensare che proprio quel luogo, a pochi metri dalla riva del fiume Esaro, potrebbe essere il primo approdo dei coloni arrivati dalla Grecia per fondare la gloriosa Kroton. Si tratta di elementi di eccezionale importanza e alcuni unici nel suo genere. Va subito detto che una prima ricognizione dello scavo, effettuata da altro personale, aveva dato una diversa interpretazione della struttura e che solo grazie all’impiego di risorse personali Morelli è riuscito ad evitare che lo scavo fosse coperto e, dunque, perdere tutto quello che invece ora è possibile indagare.

[AdSenza-B]

“A causa della condizioni meteo in atto e previste anche per domani, lo scalo programmato dalla MS Prinsendam della compagnia Holland America Line è stato annullato”: è quanto comunica il sindaco di Crotone Ugo Pugliese a proposito dell’attracco in porto di una nave da crociera che era programmato per domenica 8 ottobre. A quanto pare il vento di tramontana che spira da ieri sera rende poco sicura la manovra per l’attracco nello scalo crotonese, una problematica nota da anni e da anni irrisolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *