CosenzaNews24 del 11 ottobre – l’informazione di Cosenza e provincia

 

ascolta il radio giornale di oggi

notizie2     

 

Notizie

Cosenza, sedicenne si decapita con la motosega: stava aiutando il padre a tagliare la legna

Violenza sulle donne e processo mediatico è il tema del convegno organizzato dall’avvocatessa Katia Vetere, che è anche presidente dell’Anfi, sezione della Calabria, con il patrocinio dell’Ordine degli Avvocati, che si terrà domani a Cosenza.
Un incontro di grande significato che registrerà la presenza, tra gli altri, del generale Luciano Garofano, notissimo ricercatore, già a capo dei Ris del comando dei carabinieri, dell’avvocato Nicodemo Gentile, difensore tra gli altri di Sarah Scazzi, del giornalista di Mediaset Remo Croci, del procuratore della Repubblica di Cosenza, Mario Spagnuolo, del commissario straordinario dell’Ordine degli Avvocati, Stanislao De Santis.

“Imprese, associazioni di categoria, Regioni, Prefetture, Province, Università e Comuni di Cosenza e Perugia sono state impegnate per tre giorni nel capoluogo umbro all’interno di una serie di incontri e tavole rotonde in esecuzione dell’accordo che hanno firmato a maggio scorso. Un accordo condotto e monitorato da Klaus Algieri e Giorgio Mencaroni, rispettivamente presidenti delle Camere di Commercio di Cosenza e Perugia”. E’ quanto riferisce un comunicato dell’ente camerale di Cosenza.

Questa mattina, nella sede della Cittadella, alla presenza del Presidente della Regione Mario Oliverio, del Delegato del Presidente per la materia sanitaria Franco Pacenza, e del Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza, Achille Gentile, è stato presentato al Sindaco di Cosenza Mario Occhiuto lo studio di fattibilità per la realizzazione del Nuovo Ospedale di Cosenza. “Lo studio – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – è stato redatto dai progettisti del Raggruppamento Temporaneo di Imprese STEAM S.r.l. (Capogruppo/Mandataria) – PINEARQ S.l.p. – Domenico Amendola – Carlo Lappano, che si è aggiudicato la gara di progettazione bandita dalla Regione Calabria. Dopo una preliminare illustrazione dei progettisti delle principali opere di edilizia ospedaliera progettate e realizzate in Italia ed in Europa (Ospedale di Monselice-Este, Ospedale di Bergamo, Policlinico di Bari, Nuovo Ospedale Galliera a Genova, Ristrutturazione e ampliamento dell’Ospedale del Mare di Barcellona), il Dirigente regionale del Settore “Opere Pubbliche a Titolarità Regionale ed Edilizia Sanitaria” Pasquale Gidaro, in qualità di Responsabile del Procedimento, ha illustrato la metodologia, i contenuti ed i primi esiti dello studio di fattibilità, che costituirà la base progettuale per la scelta sulla localizzazione del nuovo ospedale e per le successive fasi di progettazione ed esecuzione dell’opera.

La Guardia di Finanza ha sequestrato 14 chili di sigarette di contrabbando in provincia di Cosenza e ha arrestato l’autotrasportatore albanese alla guida del mezzo su cui erano state caricate. L’uomo e’ stato sorpreso in flagranza di reato dai finanzieri di Montegiordano, nel corso di ordinari controlli sulla Strada Statale 106 Jonica, nel comune di Roseto Capo Spulico. All’interno di alcuni bagagli erano state occultate 28 stecche di sigarette di contrabbando, per un peso complessivo di circa 6 chili. Di concerto con il Procuratore della Repubblica di Castrovillari, Eugenio Facciolla,è stata quindi immediatamente eseguita una perquisizione domiciliare nella residenza del conducente albanese, nelle campagne di Tursi, nel materano, dove sono stati rinvenuti altri 8 kg di sigarette di contrabbando. Tutti i tabacchi lavorati esteri di contrabbando (delle marche Marlboro, Winston, Merit, L&M, Karelia), sprovvisti del prescritto contrassegno di Stato, sono stati sequestrati e l’uomo, responsabile dei reati di “contrabbando di tabacchi lavorati esteri” e “ricettazione” e’ stato tratto in arresto.

Momenti concitati questa mattina all’ufficio postale di Cosenza per quello che era stato segnalato, in un primo momento come un pacco sospetto. Sul posto, dopo la segnalazione di un pacco sospetto, sono intervenute le volanti della Polizia di Cosenza, e addirittura era stato chiesto l’intervento degli artificieri per verificare il contenuto del pacco. Dopo pochi minuti l’allarme è rientrato in quanto il pacco ritenuto sospetto era stato lasciato incustodito pare da un uomo di nazionalità cinese, che si era semplicemente allontanato e che è stato poi identificato. L’edificio comunque non è stato evacuato come si era detto in un primo momento e la situazione è già tornata alla normalità.

Una tanica di benzina con la scritta ‘paga’ lasciata davanti alla serranda del negozio. E’ un chiaro messaggio intimidatorio lasciato dai ‘signori del racket’ crotonesi quello che hanno trovato i titolari di un’attività di rivendita di presidi ortopedici, la Otr, che si trova a pochi metri dall’ospedale San Giovanni di Dio di Crotone. Il ritrovamento è avvenuto questa mattina poco prima dell’orario di apertura.

Socchiude la porta, esce di casa e se ne va in paese lasciando da soli i suoi due figli, uno di due anni e l’altro di appena 7 mesi. Una ventenne, madre dei due piccoli si è recata nel centro di Cirò, comune del crotonese, per delle commissioni. I Carabinieri di pattuglia nel paese, attirati dal pianto del più piccolo dei fratellini, sono entrati nell’appartamento dopo aver notato la porta accostata. Mentre bimbo di 7 mesi piangeva nella culla, il più grande gironzolava liberamente per casa. Dopo l’intervento di un medico che ha constatato le buone condizioni di salute di entrambi i fratelli, la giovane madre è stata rintracciata dai Militari che l’hanno denunciata con l’accusa di abbandono di minore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *