NewsCosenza24 il giornale radio del mattino – Liceo “Fermi” interviene anche Graziano

Notizie di oggi

notizie2     

 

Il Segretario questore del Consiglio regionale, Giuseppe Graziano, in merito alla vicenda che in questi giorni sta investendo il Liceo “Fermi” di Cosenza, chiuso dall’ufficio scolastico provinciale per inagibilità strutturale, ha presentato un’interrogazione consigliare.
“Bisogna evitare che uno dei più importanti e prestigiosi istituti scolastici di Cosenza e provincia – è ciò che sostiene Graziano – venga smembrato. Trattandosi, tra l’altro, di un luogo storico che ha visto crescere e formarsi le più brillanti menti della comunità bruzia, la Regione Calabria ha il dovere di far propria questa problematica e con il supporto e l’aiuto della Provincia di Cosenza avviare, da subito, le azioni necessarie al ripristino dei luoghi. È un atto, questo, che, come dicevo, lo si deve alla storia del “Fermi” e a quello che ha rappresentato e rappresenta nella vita sociale cosentina. Ma lo si deve principalmente ai ragazzi, alle loro famiglie e ai docenti che oggi popolano e vivono con la loro attività l’Istituto. E proprio dalla loro voce ho appreso il viscerale attaccamento alla scuola”.

Un uomo O.F.P., di 30 anni, è stato arrestato e posto ai domiciliari dalla Polizia stradale di Cosenza che ha operato assieme ad un equipaggio della sezione Polstrada di Lamezia Terme, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Dopo avere fermato un auto per un controllo sull’A2 del Mediterraneo (ex autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria), gli agenti insospettiti dal nervosismo del conducente hanno sottoposto l’uomo a perquisizione personale estesa poi al suo veicolo. All’interno della vettura è stato, quindi, trovato un involucro trasparente contenente oltre un chilo di canapa indiana dalla quale sarebbe stata prodotta marijuana per la distribuzione.

Complice un weekend con temperature estive, la prima edizione di “Sport d’Amare” ha raccolto i consensi entusiastici di ragazzi, tecnici e dirigenti che hanno preso parte alla manifestazione organizzata dal CONI Point di Cosenza in collaborazione con le associazioni sportive Golf Club S. Michele, Centro Velico Lampetia, Gruppo Subacqueo Paolano e SSUP Sirio Stand up Paddle.
Cetraro, località nota del Tirreno cosentino, ha accolto il 16 e 17 settembre scorsi il gruppo festoso di giovani atleti praticanti differenti discipline sportive, che si sono dapprima cimentati nella pratica del golf nella splendida cornice del Golf Club S. Michele, grazie all’impegno del Presidente regionale della Fig Mario Marra e del presidente provinciale Albino Domanico, accolti dal responsabile del circolo Giorgio Petracca.

“Gli ultimi episodi di inciviltà ci indignano e dovrebbero toccare anche la sensibilità di quanti, pur non muovendo un dito per la comunità, esigono efficienza nei servizi. La mole degli interventi straordinari, non solo di Ecologia Oggi, rispecchia il senso civico di certi individui, tutt’altro che virtuosi. Un primato che è figlio dell’ignoranza. Rincorrere altre motivazioni non avrebbe senso.” Così si legge in una nota di Cosenza Libera. “Cosenza in questi anni – continua – si è sforzata, e si sforza, per raggiungere obiettivi significativi, in altri tempi inarrivabili. Ebbene, queste foto vanificano tutto. Il MAB imbrattato come se fosse un’anonima esposizione di complementi d’arredo, buttata lì per intralcio ai pedoni. Oggi giorno le statue assumono finzioni delle più svariate, trasformandosi in giostre per i bambini, alberi per la pipì dei cani, basi per esposizioni dei venditori ambulanti.

L’archiviazione e la conservazione dei documentali in forma digitale è un processo fondamentale per garantire nel tempo l’integrità, la provenienza, la reperibilità dei documenti. Avere a disposizione documenti digitali aumenta la velocità dei processi di ricerca e reperimento e determina minori costi per le amministrazioni e per l’ambiente. Un vantaggio che è diventato obbligo da qualche anno, ma al quale ben poche amministrazioni pubbliche si sono attualmente adeguate. Circa il 30% in tutta Italia, pochissime nel Sud. Tra queste, da oggi, c’è l’azienda ospedaliera di Cosenza che grazie ad un accordo con il Laboratorio di Documentazione dell’Unical, può disporre di un archivio digitale completo, organizzato e indistruttibile.

È di un arresto, due denunce e una segnalazione il bilancio delle attività di controllo portate avanti dai carabinieri di Rende. I militari dell’aliquota radiomobile del nucleo operativo e radiomobile hanno infatti arrestato un uomo di 57 anni per il reato di maltrattamenti in famiglia. I militari hanno infatti rintracciato l’uomo e gli hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per 4 anni e di 2 mesi di reclusione. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato portato nel carcere di Cosenza.

Il Comune di Crotone ha avviato oggi le procedure per il rilascio della nuova carta d’identità elettronica che andrà a sostituire il vecchio documento cartaceo. Crotone si attesta così tra i primi enti di fascia medio alta ad adottare il nuovo strumento di identità che tutti gli enti dovranno rilasciare entro metà del 2018. E’ stato il sindaco Ugo Pugliese a chiedere per primo il rilascio della nuova carta. Per avere la carta d’identità elettronica bisogna portare una foto che verrà scannerizzata; successivamente verranno chieste le impronte digitali di indice e pollice di entrambi le mani. La carta d’identità elettronica non sarà consegnata immediatamente al richiedente ma arriverà a casa per posta entro sei giorni inviata dal Poligrafico dello Stato. Dopo questa fase di avvio è probabile che, per evitare code all’ufficio anagrafe, il Comune apra un apposito sito per le prenotazioni. Quanti hanno ancora la vecchia carta d’identità valida possono utilizzare quella.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *