Radio Giornale della Presila e Sila Week-End del 9 aprile

 

Ascolta il radio Giornale della Sila e Presila

notizie4     

PULISCI E CORRI
La tappa silana della manifestazione “Keep Clean and Run #pulisciecorri” ha preso il via stamattina dalla sede dell’Ente Parco Nazionale della Sila a Lorica. Gli eco-corridori hanno sfidato il freddo improvviso di questi giorni pur di portare il loro messaggio ambientalista anche tra i boschi del nostro altopiano.

UN INCENDIO IN SILA
Nella mattinata di sabato scorso, sulla Sila cosentina precisamente a San Giovanni in Fiore, si è sviluppato un incendio boschivo. Sul posto sono intervenuti gli agenti eco-zoofili del Servizio Nazionale Vigilanza Ambientale della L.I.P.U., diretti dal Coordinatore Provinciale dott. Domenico Laratta. Immediata la segnalazione ad una pattuglia della Polizia Provinciale operante al Distaccamento di San Giovanni in Fiore, con cui soltanto poco prima era stato effettuato un servizio congiunto e coordinato. Grazie all’accurato sopralluogo effettuato, all’approfondita conoscenza del territorio e alle celeri indagini, gli agenti della Polizia Provinciale, sono riusciti dapprima ad individuare il punto in cui aveva avuto origine l’incendio e, in seguito a identificare il presunto responsabile.

SCOSSA DI TERREMOTO
Una scossa di terremoto è stata avvertita il 5 aprile, alle 21.17, in Calabria, nel cosentino. La scossa, di magnitudo 3.1, ha avuto una profondità di 10.3 Km. L’epicentro è stato rilevato a Luzzi, ma è stata fortemente percepita anche a Bisignano, Acri, Cosenza, Rende, San Marco Argentano, Spezzano della Sila, Montalto Uffugo, Rose e tutta la zona limitrofa. Momenti di forte paura tra i cittadini che hanno dichiarato di aver sentito un forte boato. La scossa ha causato piccole conseguenze nelle abitazioni, come la caduta di vari oggetti.

CONOSCI IL LAGO ARVO
Il lago Arvo, il secondo della regione per dimensioni, è una delle mete turistiche più frequentate della Calabria. Lungo 8,7 km, con un perimetro di 24 km ed una capacità di 80 milioni di metri cubi d’acqua, con una profondità di soli 30 metri, venne realizzato come bacino idroelettrico tra il 1927 e il 1931, mediante lo sbarramento del fiume Arvo e dei torrenti Bufalo e Fiego, con la realizzazione di una diga in argilla e terra battuta, inaugurata il 28 maggio 1932. Immerso in un paesaggio mozzafiato, coronato da una cinta di monti tra i più alti della Sila tra cui Melillo, Cardoneto, Colli Perilli, Pizzuto, le Montagne della Porcina e il Botte Donato, offre, sulla sponda settentrionale, centri turisti montani largamente apprezzati tra cui Lorica e Rovale.

PER UNO SVILUPPO DEL TURISMO
Per la prima volta le Aree Protette calabresi hanno deciso di unire le forze per promuovere, congiuntamente e con il supporto della Regione Calabria, lo sviluppo turistico, economico, ecosostenibile e la conservazione della Natura.
Lavoreranno fianco a fianco per creare un fronte unico che permetta di sfruttare le similitudini ed esaltare le diversità – diversità che consentono anche una segmentazione turistica per così dire “naturale”, dovuta alle stesse caratteristiche geografiche e morfologiche dei territori – nonché naturalmente per risolvere le criticità comuni.
In una riunione tenutasi il 31 marzo u.s. a Cosenza i rappresentanti delle varie Aree Protette calabresi si sono incontrati per iniziare a tessere la trama di quella che sarà una collaborazione di lunga durata – il progetto prevede infatti per iniziare una durata almeno triennale.
Questa “rete” tra Parchi e Riserve rientra tra le azioni previste nel POR 2014/2020 e conta il sostegno sia del Presidente Mario Oliverio che dell’Assessore Regionale all’Ambiente Antonietta Rizzo, ai quali sono andati i ringraziamenti dei presenti.
Come ha esordito il dott. Aramini, il Dirigente del Dipartimento Parchi e Aree Protette della Regione Calabria, “oggi iniziamo definendo la strategia di comunicazione delle aree protette e concentrandoci sull’azione di marketing territoriale. Si tratta di una fase propedeutica che ora tradurremo in progetti concreti”.
Ha proseguito sottolineando come sia “importante che diventiamo protagonisti…per farlo c’è da lavorare, è più impegnativo, ma è anche molto più efficace”, per ricordare poi con soddisfazione come “nonostante la mole del progetto, tutti noi stiamo anche rispettando i tempi”.
Il Parco Nazionale della Sila si è assunto l’onere e l’onore di impostare le linee guida per un Piano di Comunicazione e di Marketing congiunto, un documento strategico che spinga le nostre Aree Protette, insieme e possibilmente con un “marchio” comune, sui palcoscenici internazionali.
A questo proposito la prof.ssa Sonia Ferrari, Commissario Straordinario del Parco, ha espresso la sua gratitudine verso il supporto ricevuto dalla Regione Calabria. “Voglio ringraziare il dottor Aramini e l’Assessore Rizzo, oltre che naturalmente il Presidente Oliverio, perché se abbiamo iniziato a lavorare in questo nuovo modo lo dobbiamo a loro. Il Piano di Comunicazione e Marketing territoriale sul quale abbiamo lavorato riguarda tutte le Aree Protette della regione. È giunta l’ora di iniziare a comunicare in modo forte e di farci conoscere”.
Questo naturalmente non è che l’inizio, ma già in tempi molto stretti si cominceranno a vedere i frutti che il lavoro congiunto delle varie Aree Protette riuscirà a generare anche in termini di sviluppo e di brand awareness per l’intera regione.
“Che insieme siamo più forti già lo sapevamo, ma finora organizzare tante realtà sembrava quasi impossibile. Eppure ora non solo abbiamo ‘osato’ provarci” – ha chiuso il Direttore F.F. del Parco della Sila, il dott. Giuseppe Luzzi – “ma ci stiamo anche riuscendo”.

POLITICA
Dopo 9 mesi dall’insediamento, l’Amministrazione Monaco, approva il primo bilancio di previsione in linea con gli impegni presi in campagna elettorale, e di conseguenza, nel segno dell’ economicità, della trasparenza, e della gestione corretta ed armonica delle risorse dell’ente.
L’iter che ha portato all’approvazione dello strumento finanziario in Consiglio ha visto lo svolgimento di due Commissioni Bilancio, presieduta dal Consigliere De Marco, ed alla presenza del Consigliere Spizzirri, entrambi di minoranza, i quali, dopo ore ed ore di discussioni e di valutazioni in modo dettagliato, riscontravano la congruenza delle voci riportate nei capitoli di spesa.
Durante le suddette commissioni, e viste le numerose spiegazioni chieste al dirigente dell’ufficio ragioneria, per eccessivo zelo, è stata consegnata ed analizzata una copia dettagliata del bilancio (Piano Esecutivo di Gestione), da approvare in Giunta nei 20 giorni successivi all’approvazione del bilancio di previsione in Consiglio. Nel Consiglio Comunale, quindi, è stata consegnata la copia del bilancio di previsione non dettagliata, così come prevede la legge. In ogni caso entrambe le copie erano disponibili presso gli uffici preposti e riportavano gli stessi saldi.
Questa grave SVISTA denota approssimazione e dilettantismo da parte della minoranza, tra le cui fila, siedono noti esponenti con decenni di esperienza amministrativa alle spalle, che dovrebbero conoscere bene le procedure e la materia. È evidente che si tratta solo di un falso pretesto dettato da un fuorviante sentimento di odio e rancore personale nei confronti di coloro che oggi, per volontà popolare, governano al loro posto.
Nonostante i tentativi di far saltare l’approvazione del bilancio e fermare il cambiamento, la minoranza, ormai nei fatti unita anche in consiglio comunale oltre che nelle ultime ore di campagna elettorale (a proposito di alleanze contro natura), emergono chiari nel bilancio approvato i tagli effettuati su consulenze legali ed incarichi di altra natura (agli amici degli amici) per un totale di 50.000 € e sulle spese di telefonia, luce e gas.
Inoltre è opportuno segnalare, nonostante i ridotti trasferimenti centrali e le gravi problematiche ereditate, la conferma delle aliquote e lo stanziamento di risorse su capitoli destinati alla manutenzione delle strade e marciapiede, (con particolare attenzione su Camigliatello), stanziamenti per interventi urgenti sulla rete idrica, oltre alle risorse dedicate al sociale, alle famiglie in difficoltà ed ai disabili ( nonostante la consigliera di minoranza Panza abbia fatto confusione tra servizio pubblico e privato).
Si condanna fermamente il clima ancora da campagna elettorale ed il comportamento aggressivo, arrogante ed intimidatorio tenuto dai consiglieri di minoranza, che non appartiene alla storia ed alla cultura democratica del nostro comune. Il Partito Democratico starà sempre al fianco dell’Amministrazione comunale e respingerà gli attacchi spregiudicati dell’opposizione.
A proposito di conflitti di interesse, gli unici che conosciamo, sono quelli di uno pseudo giornalista con la casacca dell’opposizione, e di un ex leader politico in cerca di identità, che non riesce a darsi pace di una inaspettata sconfitta elettorale, ridotto a fare politica in un imboscato negozio di casalinghi del centro storico.
Proseguiremo il nostro impegno uniti verso il cambiamento, invitando tutti a guardare avanti, nel segno della serenità, del rispetto reciproco e nell’interesse generale della comunità.
(Gruppo Consiliare e Circolo PD Spezzano Sila e Camigliatello)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *